G. Arpino

IL GRANDE ALBERO

SERIE VERDONE - a partire dai 10 anni - Per valutare
Illustrazioni di A. Cola

LA STORIA

La significatività di un rapporto affettivo spesso si esprime attraverso piccoli gesti, momenti di vita quotidiana in cui la comunicazione non ha sempre bisogno di parole.
Per il padre e il figlio della Passeggiata di Natale l’occasione è data dal pallido sole del pomeriggio di festa che invita ad uscire. Nei giardini imbiancati di neve, i due si trovano a parlare di un argomento “importante”, l’esistenza di Gesù Bambino. Il bambino ha già delle opinioni in merito e il padre asseconda il suo discorso con fare attento e un po’ divertito, in un clima di grande confidenza.
Nelle Lumache di mare è una giornata di vita di spiaggia a far da cornice all’episodio. Il padre si interroga sul suo disagio per non riuscire ad entrare in sintonia con il proprio bambino. Poi accade un piccolo fatto. Il bambino porta in casa un secchio di lumache di mare, che il mattino dopo tappezzano gli arredi e le pareti dell’appartamento. Così i due protagonisti si trovano l’uno accanto all’altro a recuperare i molluschi in un clima divertito.
Il papà del Bambino dipinto è un uomo superimpegnato che il figlio cerca di coinvolgere nella realizzazione di un disegno per la scuola. Il padre accondiscende al desiderio strappando minuti preziosi ai suoi impegni e aiuta il figlio che davanti al foglio e ai pastelli non sa come fare. Così, quando il mattino dopo, accompagnando il bimbo a scuola, scopre che il disegno non era un compito ma un’iniziativa del piccolo per avere un proprio lavoro appeso alla parete dell’aula, si commuove e si sofferma a rassicurarlo.
Il nonno del Viale nero è un uomo con una lunga storia, un tipo tutto d’un pezzo. I suoi principi educativi sono riassunti nella sua vita, perciò cerca di istillare nel nipote il coraggio della sfida con se stesso. Così, la corsa nel viale buio, lungo e attorniato da inquietanti rumori, a cui il ragazzo viene sottoposto, può apparire una prova crudele. Ma non per il nipote che, pur tra la paura, raccoglie la sfida come una particolare forma d’affetto del nonno.
La famiglia del Grande albero si poggia sulle radici solide di un nonno eccezionale, determinato, che sfida la sorte per costruirsi una fortuna. Senza dimenticare i principi più sani, che trasmette alla sua famiglia. E alla fine dell’esistenza il nonno si gode la vita e si circonda di cose belle. A raccontare la storia è uno dei nipoti che vede in lui un pezzo di storia, quella carica di speranze e di ideali della seconda metà dell’Ottocento italiano, verso la quale chi vive nei primi del Novecento prova rimpianto.

SPUNTI DI APPROFONDIMENTO

Il volumetto permette di integrare lo studio di alcuni argomenti di carattere storico e geografico. In particolare, la lettura dei due ultimi racconti porta ad approfondire:

  • la storia italiana della seconda metà dell’Ottocento
  • il problema dell’emigrazione italiana in America
  • la Prima Guerra Mondiale.

INTINERARI TEMATICI

Il libro suggerisce impegnativi itinerari di ricerca trasversali alle singole discipline. Proponiamo:
I grandi viaggiatori, le esplorazioni geografiche tra Ottocento e Novecento.
I mezzi di navigazione, dalle origini ad oggi, oppure in una determinata epoca.
Tanti doni da Babbo Natale e da Gesù Bambino, una indagine tra compagni di età diversa per scoprire le loro credenze e ciò che le motiva.
Le vacanze nelle scuole d’Europa, una ricerca per scoprire le consuetudini e l’organizzazione delle scuole europee.

OLTRE LA STORIA

Ciascuno dei racconti affronta il problema del rapporto padri e figli e, più in generale, di giovani e adulti all’interno della famiglia, visto in età diverse (dall’infanzia alla preadolescenza). Offre, perciò, un buon punto di partenza per trattare il tema educativo in prospettiva critica.

  • Versioni MISTE MULTIMEDIALI
  • Testo
    • ISBN: 9788842611042
    • Pagine: 136
    • Codice: 1104
    Sconto15%
    Prezzo:  7,10
    Prezzo:  6,08
    Acquista
    Sconto del 15% defiscalizzato dell'iva