Per iniziare – A che punto sono?

A che punto siamo rimasti?

È arrivato il momento dell’inizio della scuola e, come ogni anno, si tratta di organizzare al meglio il delicato momento dell’accoglienza dei nostri piccoli studenti, sia per i più piccoli che cominciano il loro percorso nella scuola primaria ma anche per tutti quelli che ritornano in classe.

Come fare? A che punto sono rimasti?

Fin dai primi giorni di scuola, sono domande più che legittime a cui abbiamo provato ad aiutarvi a rispondere con questo progetto didattico; per i più piccoli si tratta di attività ludiche inerenti i principali obiettivi di apprendimento riferiti all’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia, mentre per chi ritorna in classe di semplici proposte di ripasso ed esercizi di verifica formativa sulle abilità linguistiche, matematiche e anche sulle altre discipline, per la verifica e il raggiungimento delle competenze previste.

Le proposte presenti nei volumi vogliono consentire di rispondere alla domanda iniziale: a che punto siamo rimasti? sia ad alunne/alunni che a voi Insegnanti.

Bambine/bambini potranno farlo compilando, senza alcuna ansia e anche giocando a imparare, le schede proposte anche attraverso l’autovalutazione, mentre per voi Insegnanti a disposizione sul sito potrete scaricare le griglie formalizzate di osservazione e registrazione degli apprendimenti corrispondenti agli obiettivi ministeriali.

A che punto sono?

7 volumi per riscoprire l’emozione di essere tornati in classe, a disposizione di tutti, disponibili gratuitamente anche in formato digitale, per meglio integrarsi anche la didattica digitale come previsto dalle ultime disposizioni ministeriali.

L’auspicio e l’augurio, ovviamente, è quello di RIPARTIRE CON ENTUSIASMO DA QUELLO CHE SI SA GIÀ!

Scarica la versione digitale

Novità Digimparo WEB

La piattaforma del GE il Capitello che ti permette di aprire e usare i libri digitali direttamente online!!

Per utilizzare i libri in formato digitale devi essere registrato e aver sbloccato l’opera nella sezione “i miei libri“ o (se sei un docente) “le mie adozioni“.